Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 16-06-10, 10:32 PM   #2
cava
Moderatore
 
L'avatar di cava
 
Registrato dal: Jan 2009
residenza: Como
Messaggi: 12,384
cava Ŕ una fonte luminosa a cui riferirsi!cava Ŕ una fonte luminosa a cui riferirsi!cava Ŕ una fonte luminosa a cui riferirsi!cava Ŕ una fonte luminosa a cui riferirsi!cava Ŕ una fonte luminosa a cui riferirsi!cava Ŕ una fonte luminosa a cui riferirsi!
predefinito

2a parte

Il modello

Telaio
Il modello Ŕ praticamente tutto in plastica. Le parti in metallo sono ben poche. Troviamo un telaio in plastica che integra nella parte laterale due vani (uno per lato) ove alloggiare le batterie, richiudibili con una copertura in plastica. Vi sono delle prese d'aria per raffreddare le batterie e far fuoriuscire l'aria calda. Le dimensioni dei vani sono circa 20mm in altezza (che si riducono a 15 alle estremitÓ, negli ultimi 7 mm), 30mm di profonditÓ e 13 di larghezza)
Guardando la RC dal dietro, al centro sul lato sinistro troviamo il box della ricevente a tenuta stagna, in mezzo il motore ed a destra le guide per accogliere l'ESC che Ŕ fatto su misura (qualcuno mi diceva essere prodotto da castle creation, ma non saprei se Ŕ vero) e bloccato in posizione talla paratia di chiusura del vano batterie.
Davanti tra il box della ricevente ed il motore vi Ŕ un carter che protegge gli ingranaggi della trasmissione, il palo rigido (di serie esce senza differenziale centrale) e la frizione parastrappi regolabile.
Gli ammortizzatori sono in configurazione "push-road". Sono installati sul telaio, non sui braccetti delle sospensioni. Sono collegati al braccetto delle sospensioni tramite un puntone (push rod) ed una parte di collegamento (rocker) fissato al telaio tramite una vite e dotato di boccole in teflon, che fa da perno.

Il corpo degli ammortizzatori, i rocker ed i push rod sono completamente in plastica. Gli ammortizzatori hanno al loro interno l'olio e vengono forniti di serie con molle di colore rosso. Come si vede dalla foto, la durezza delle molle Ŕ indicata dallo sbaffo di vernice (in questo caso, verde) su di esse. Di scatola ci sono le molle medie (2 mm).
I braccetti inferiori sono fissati alla cellula del differenziale tramite 2 perni per ogni braccetto e tali perni sono tenuti in posizione da due skid plate in plastica, mentre i braccetti superiori sono fissati con un'unico perno tenuto in posizione da una "piastrina" in plastica.



I mozzi (uguali sia davanti che dietro) sono fissati ai braccetti tramite uniball. Questi ultimi sono tenuti in posizione da dei blocchi in plastica. Bisognerebbe aspettare che questi blocchi si consumino o dargli una leggera limata per rendere pi¨ scorrevole il tutto, oppure sostituirli con quelli optional in metallo.



Sull'anteriore, i braccetti dello sterzo (non regolabili, come i posteriori) si collegano al gruppo salvaservo posto al centro del modello nella parte inferiore. Il gruppo lavora su due piccole boccole in teflon ed Ŕ protetto dai colpi dallo skid plate anteriore. Nella parte inferiore del telaio troviamo
anche, a protezione degli organi meccanici uno skid plate centrale e dei "roll bar" sul servo.

In teoria il modello Ŕ disponibile con carrozzeria con dominante rosso, blu, argento o giallo, anche se quest'ultima non l'ho ancora vista in giro.
Il modello si presenta completamente cuscinettato sulla trasmissione. Gli unici punti dove mancano i cuscinetti sono i rocker ed il gruppo sterzo, ma sono disponibili compe optional.


Trasmissione
Di serie il Revino Ŕ dotato di due differenziali, palo rigido centrale, frizione parastrappi.
Una cosa che mi Ŕ piaciuta molto sono le brugoline passanti. Danno l'idea di maggior sicurezza rispetto ai tradizionali. Non so in caso di perdita delle brugole quanto si trovino facilmente...
La trasmissione, pur essendo in plastica non Ŕ male, anche se avrei preferito in metallo.
La scelta di stare "sull'economico" usando la plastica per tutta la trasmissione (trascinatori compresi), benchŔ di una certa consistenza, lascia un po' l'amaro in bocca dopo aver speso un bel po' di soldi per il modello.
I differenziali forniti hanno 3 satelliti e sono giÓ riempiti con l'olio della giusta viscositÓ per divertirsi. Tutta la trasmissione lavora su cuscinetti.

Come dicevo poco fa, il modello Ŕ dotato di una frizione regolabile per "ammortizzare" l'esuberanza del brushless e stressare meno la trasmissione. La regolazione avviene, come sempre in questi casi, agendo su un dado che stringe o smolla i 2 dischi che chiudono a sandwitch il disco in ferodo.
__________________
Chi scrive sul forum non viene pagato, non Ŕ obbligato e non Ŕ presente 24h/24. Se nessuno vi risponde forse nessuno sa la risposta o avete sbagliato sezione. Seguite il regolamento ed usate il tasto cerca...

Ultima modifica di cava; 19-06-10 a 09:44 PM
cava non Ŕ in linea   Rispondi quotando