Vai indietro   Forum Modellismo.net > Categoria Navi e Velieri in legno > Tecniche modellistiche navali
Rispondi
 
Strumenti della discussione
Vecchio 23-09-09, 09:21 AM   #1
Utente Senior
 
L'avatar di madamalouise
 
Registrato dal: Mar 2009
residenza: Genova
Messaggi: 2,338
madamalouise è un newbie...
predefinito Quale modellismo?

In procinto di installare i blocchetti di sostegno alle mezze canne del lower gun deck, mi sono posta la domanda: ma è proprio-prioprio-proprio necessario installarle? Non sarà che piuttosto non devo?
Spostando queste considerazioni su un terreno più generale, si potrebbe dire che esistono diverse forme di modellismo statico, che potremmo sintetizzare così:

MODELLISMO DIDATTICO - "ti mostro com'è fatta la nave". Un modello di questo tipo è svincolato dal contesto: può avere i ponti nuovi e tirati a lucido (altro che grigio), i portelli aperti con le artiglierie tutte ordinatamente protese con mira all’infinito. Può avere contemporaneamente le paratie mobili in opera, i forni accesi e tutte le batterie in posizione. Essere tutto in color legno naturale. Ed altre assurdità che su un veliero non si verificavano mai.
MODELLISMO SITUAZIONALE - “ti presento la nave nella sua vita”. Non è necessariamente un diorama, ma comunque si “fotografa” la nave in un dato contesto. Vascello in navigazione tranquilla, fregata in caccia, vascello che si prepara per l’azione... Bisogna evitare le assurdità di prima (ad es, portelli aperti per un vascello in navigazione tranquilla). L’invecchiamento è benvenuto, a meno che non si tratti di modelli che non hanno materialmente avuto il tempo di invecchiare (veliero sullo scalo dell’arsenale, nave affondata in 30 minuti tipo Wasa). Mi è dubbio se tentare una animazione con figurini.

Personalmente sono molto attratta dalla seconda specie di allestimento. Per il mio Bellona avrei pensato ad una situazione di allarme improvviso, in cui le strutture della vita quotidiana non hanno ancora avuto tempo di essere rimosse e l’organizzazione da combattimento è appena iniziata.
La maggior parte dei modelli che ho visto sarebbero classificabili come modelli didattici, oppure diorami tout court. Un bell’esempio “situazionale” secondo me è il RIVOLI del Musée de la Marine (la nave è raffigurata con le batterie inferiori smantellate, mentre gli “elevatori” la sollevano per permetterle di uscire dai bassi fondali di Venezia).
Ma a questo punto la domanda è: il tipo di realizzazione influenza il valore del modello?
D’accordo che un primo modello difficilmente arriva a sostenere delle gare, ma avendo per le mani un bestione grosso e ingombrante come il mio, uno vorrebbe che raggiungesse comunque il maggior pregio possibile.
Ho persino sentito che alcuni concorsi rifiutano i modelli con invecchiamento...
Ditemi dunque: come viene valutato un modello? Certe rinunce (ad es. portelli parzialmente o in toto chiusi) influenzano negativamente la valutazione? Paradossalmente, le mezze canne “valgono” di più di portelli chiusi nei ponti inferiori e cannoni accuratamente, realisticamente trincati nel ponte di coperta?
Vi prego chiaritemi questo dubbio!!!
madamalouise non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 23-09-09, 10:55 PM   #2
Utente Senior
 
L'avatar di caracciolo
 
Registrato dal: Feb 2009
residenza: Napoli
Messaggi: 1,526
caracciolo è un newbie...
predefinito

questo puo chiarirtelo solo un giudice di gare io ne ho conosciuti diversi anche se giudicavanoalmeno 20 anni fa i criteri di valutazione sono diversi vanno dalla documentazione che presenti alle tecniche di realizzazione se sono corrette o no a situazioni paradossali tipo pennoni tirati su senza vele spiegate
mare mosso oo calmo credo che non sia un criterio valido pero portelloni aperti o chiusi forse si
dato che cmq hai perso piu tempo forse se li metti aperti dovresti metterci anche le vele principali maestra mezzana e trinchetto serrate tpo a rappresentare uno scontro ravvicinato anche se nulla vieta portelloni aperti e vele spiegate tutte o tutte serrate dato che spesso in rada in occasione di feste o cose simili si mettevano per dare un imponenza maggiore alla nave che mostrava le proprie armi
penso che gli errori piu gravi siano di tipo funzionale cioe cose impossibili per il semplice fatto che non potevano funzionare es cannoni posizionati diertro le sartie opp cannoni posizionati d avanti le scale o cordame che attraversa una vela o cordami che sono posti al di sopra dei pennoni in fase di riposo

dobbiamo sempre pensare che cmq la nave perfetta non esiste dato che siamo piu grandi perforza possiamoavere macchine assurde ma ci sara sempre un fattore che non sara perfetto es anche per il modellismo d arsenale ci sono errori concettuali
i quinti non sono di legno piegato ma ricavato semplicemente dal pieno poi la fibre non saranno mai in scala usano sempre delle colle cosache non avveniva
quindi io non mi preoccuperei piu di tanto
tanto ness e perfetto
consideriamo i cannoni che spesso vediamo in 1 a 16
paradossalmente sono piu perfetti dei reali dato che vengono ricavati per tornitura aveter mai visto dei cannoni reali sono grezzi dato che sono ricavati per fusione i reali solo la bocca e linterno erano torniti e rettificati con delle punte dette a cannone che sono statre riprese oggi per vari motivi
potrei farvi un elenco infinito
oppure le bruniture che spesso non si eseguivano per pezzi in bronzo data la sua natural resistenza alla salsedine

poi c e anche il fattore associazonismo da considerare che cmq influisce in gara
conta abbastanza

il mio consigolio e di farti una nave che ti piace
se ti piace la piu reale possibile falla come piu ti aggrada se ti piace desnuda falla cosi
io mi faccio un modelllo e me lo guardo e riguardo continuamente ogni sera e mi compiaccio da solo
l ho fatto per questo poi ovviamente si deve sempre migliorare e cercare il nuovo
caracciolo non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 24-09-09, 02:44 PM   #3
geo
Utente
 
L'avatar di geo
 
Registrato dal: Jun 2009
Messaggi: 114
geo è un newbie...
predefinito

Ciao Madame. la tua è veramente una bella domanda. In effetti, di getto sono portato verso un tipo di modellismo (anche perchè vengo dai figurini e dal modellismo militare in plastica tipo carri ecc..) che riproduce il più possibile (naturalmente con alcuni compromessi diciamo artistici).
Quindi ti direi di sposare in pieno la seconda ipotesi.
Però sorgono 2 "problematiche":
1) con il legno, anche in scale grandi, è praticamente impossibile riuscire a riprodurre fedelmente molti dettagli di piccole dimensioni che per dare vita ad una nave sarebbero necessari, parlo di tutte le attrezzature e gli equipaggamenti dei marinai, degli artiglieri ecc, inoltre alcuni particolari comunque riprodotti, sempre a causa della natura del materiale, sono riprodotti un pò fuori scala: per esempio se guardiamo i dettagli delle balaustre rispetto a quelle che normalmente vengono realizzate, o i portelli dei cannoni con tutte le chiodature ecc...
Aggiungerei anche che, data la quantità enormi dei uomini ed attrezzature presenti sulle navi, fare qualcosa di realistico implicherebbe lavori di anni e anni (parecchi anni!). D'altronde, o l'equipaggio lo fai tutto, almeno quello plausibilmente visibile dall'esterno, o mettere uno o due marinai è un pò inutile (sempre parlando di navi di grandi dimensioni)
2) Una cosa che a me piace moltissimo del navimodellismo in legno è... il legno. Se riproducessimo una nave al reale, anche una cocca o una caracca che non erano oparticolarmente decorate, dovremmo tingere quasi tutto il modello e lavorare di pennello, ma dico lavorarci parecchio per dar i vari effetti di usura (chi ha avuto a che fare con i carri armati sa di cosa parlo). Oltretutto tali effetti, vista la scala media delle navi, risulterebbero comunque piuttosto sovradimensionati e non sempre apprezzabili. Il tutto con il conseguente risultato di coprire tutte le parti in legno naturale (allora tanto valeva farlo in palstica con un dettaglio sicuramente maggiore!)
Quindi il mio responso è: Boh!!!!!
Il modo migliore è cercare un compromesso che ti permetta di creare un modello verosimile ma senza entrare in dettagli impossibili (non puoi mettere tutti i cannonieri e non mettere i loro attrezzi, e non puoi attrezzare un cannone senza farlo con tutta la batteria. conta quanti cannoni hai visibili sulla nave e poi dimmi tu!)
Il nodo sta nel trovare il giusto equilibrio: il ponte grande, un'invecchiamento lo vale! le pedate consunte delle scalette non le vede nessuno... non so se mi spiego....
Forse mi sono un pò dilungato, ma effettivamente è un punto di vista quasi fondamentale che incide enormemente in un progetto! Sentiamo anche gli altri cosa ne pensano!
geo non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are disattivato


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Alex-modellismo .:Modellismo a Torino!:. mingione Off Topic 12 26-07-13 07:12 PM
il vero modellismo quale e???? dipydavide Automodelli a scoppio 1/8 Off Road 29 09-08-09 06:14 PM
Kyosho mp 7,5:quale miscela e quale candela? fabiogent Automodelli a scoppio 1/8 Off Road 5 29-11-05 07:40 AM
rivista di modellismo si....ma quale? elenix Comunicazioni e presentazioni 4 27-03-05 03:14 PM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 12:40 AM.


Chi Siamo | Pubblicità | Scambio banner | Disclaimer | Regolamento | P.IVA 00319251203
Disponibile su App Store Disponibile su Google Play