Forum Modellismo.net

Forum Modellismo.net (http://www.modellismo.net/forum/)
-   Storia e personaggi navali (http://www.modellismo.net/forum/storia-e-personaggi-navali/)
-   -   Navi in pensione (http://www.modellismo.net/forum/storia-e-personaggi-navali/88073-navi-pensione.html)

Darkon 13-02-11 10:03 AM

Navi in pensione
 
Ciao a tutti, un dubbio che ho da un po’...come mai ai tempi i velieri, una volta diventati “superati”, venivano demoliti? Per recuperare il legno? Era ancora riutilizzabile?

ilvecchiodelmare 13-02-11 03:35 PM

Quote:

Originariamente inviata da Darkon (Messaggio 843595)
Ciao a tutti, un dubbio che ho da un po’...come mai ai tempi i velieri, una volta diventati “superati”, venivano demoliti? Per recuperare il legno? Era ancora riutilizzabile?

Per lo stesso motivo per cui vengono demolite anche oggi le navi troppo "superate": ovvero per i sempre maggiori costi di riparazione ed "aggiornamento" necessari per garantire funzionalità e sicurezza.
Ai tempi dei velieri il legno recuperato (e riutilizzabile) era solo una piccola parte..il resto del legname veniva venduto per essere poi usato per altri scopi..fra i quali anche per finire nelle stufe come legna da ardere.

Darkon 13-02-11 05:40 PM

piuttosto triste ma elementare...effettivamente ai tempi non era ancora comparsa l’idea delle navi museo!

gabriele68 14-02-11 02:02 PM

Quote:

Originariamente inviata da Darkon (Messaggio 843595)
Ciao a tutti, un dubbio che ho da un po’...come mai ai tempi i velieri, una volta diventati “superati”, venivano demoliti? Per recuperare il legno? Era ancora riutilizzabile?

Di una nave in legno, oltre a tutte le attrezzature nautiche ancora valide, ciò che aveva maggior valore quando arrivava il momento della radiazione, era il FERRO!
Da non trascurare, inoltre, a titolo di curiosità, che nel '700 (in caso di guerra, ovviamente) le navi da demolire erano spesso adoperate per un ultimo viaggio come brulotti (navi incendiarie).

ErPiotta71 22-02-11 12:18 AM

Cioè mandavano le navi a colpire altre navi incendiandoli?
E chi era il matto a governare una nave incendiata sapendo che non esisteva il radiocomando? ? ? :lookahsisi5ih::lookahsisi5ih::lookahsisi5ih:

gabriele68 24-02-11 08:35 PM

Quote:

Originariamente inviata da ErPiotta71 (Messaggio 848307)
Cioè mandavano le navi a colpire altre navi incendiandoli?
E chi era il matto a governare una nave incendiata sapendo che non esisteva il radiocomando? ? ? :lookahsisi5ih::lookahsisi5ih::lookahsisi5ih:

Molto semplice: si bloccava il timone.:smilese:

cervotto 09-03-15 11:21 PM

Quote:

Originariamente inviata da ilvecchiodelmare (Messaggio 843696)
Per lo stesso motivo per cui vengono demolite anche oggi le navi troppo "superate": ovvero per i sempre maggiori costi di riparazione ed "aggiornamento" necessari per garantire funzionalità e sicurezza.
Ai tempi dei velieri il legno recuperato (e riutilizzabile) era solo una piccola parte..il resto del legname veniva venduto per essere poi usato per altri scopi..fra i quali anche per finire nelle stufe come legna da ardere.

Non sempre, il Royal Prince del 1610 fu modificato come Renow nel 1640, poi Resolution nel 1650; il Prince del 1670 fu modificato nel 1692 e rinominato Royal William. Il legno di quelle demolite veniva "cotto" per estrarre pece e spremuto per ottenere acquaragia vegetale per vernici.

cervotto 12-03-15 09:55 AM

Quote:

Originariamente inviata da ErPiotta71 (Messaggio 848307)
Cioè mandavano le navi a colpire altre navi incendiandoli?
E chi era il matto a governare una nave incendiata sapendo che non esisteva il radiocomando? ? ? :lookahsisi5ih::lookahsisi5ih::lookahsisi5ih:

Per soldi si rischia tutto, chi guidava un brulotto riceveva una paga da 5 a 10 volte superiore al normale, vi era sempre un barchino o un semplice galleggiante per salvataggio e doveva saper nuotare.


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 12:50 AM.