Vai indietro   Forum Modellismo.net > Categoria Navi e Velieri in legno > Tecniche modellistiche navali > Kit commerciali e piani costruttivi
Rispondi
 
Strumenti della discussione
Vecchio 05-11-10, 03:52 PM   #61
Utente
 
L'avatar di Capitan Cocoricò
 
Registrato dal: Nov 2010
Messaggi: 110
Capitan Cocoricò è un newbie...
predefinito

Ho le foto solo di alcuni, vedrò che posso fare...

ciao

Capitan Cocoricò non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-11-10, 04:12 PM   #62
Utente Junior
 
Registrato dal: Jan 2009
residenza: Roma
Messaggi: 25
Inca56 è un newbie...
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da Capitan Cocoricò Visualizza il messaggio
Ma il piacere che provo nel maneggiare il legno, lavorarlo, e da semplici listelli ricavare un modello è semplicemente impagabile. Direi che questo sia il punto fondamentale.
Ogni modello era un pochino migliore rispetto al precedente, e con tanta pazienza (e spero tanto tempo a disposizione) potrei arrivare a certe vette...
Senza con questo voler "attizzare" polemiche concordo completamente.
Franco
Inca56 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 05-11-10, 04:12 PM   #63
Utente
 
L'avatar di Capitan Cocoricò
 
Registrato dal: Nov 2010
Messaggi: 110
Capitan Cocoricò è un newbie...
predefinito

Specifico: diverse le ho vendute (roba piccola: Llaut, flattie, nave vikinga...) , in un paio di casi (Albatros, Santa Maria) scambiate con altro, per cui per forza di cose non è che rimanga molto da far vedere...
Capitan Cocoricò non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 08-11-10, 11:25 AM   #64
Utente
 
L'avatar di Capitan Cocoricò
 
Registrato dal: Nov 2010
Messaggi: 110
Capitan Cocoricò è un newbie...
predefinito

Fatto!

Ciao
Capitan Cocoricò non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 19-05-11, 04:37 PM   #65
Utente Junior
 
L'avatar di Wezen
 
Registrato dal: Apr 2011
residenza: Recco (GE)
Messaggi: 70
Wezen è un newbie...
predefinito

Ciao una curiosità: mi è capitato di vedere su una guida di modellismo la costruzione di un kit della Dikar.
Che fine ha fatto questa ditta? Ha chiuso? E' stata assorbita?

wez
Wezen non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 20-05-11, 11:01 PM   #66
skizzp82
Guest
 
Messaggi: n/a
predefinito

Ciao ragazzi, io sto costruendo una Victory Corel, ho iniziato adesso la costruzione del bonpresso, quindi prima del tanto atteso varo ne passerà di acqua sotto i ponti.. ma prometto che appena avrò terminato darò un giudizio globale sulla scatola di montaggio assegnando dei voti da 1 a 10 per tutti i componenti, materiale, disegni, accessori ecc.
Ovviamente sarà un giudizio assolutamente soggettivo, dato da un neofita ma sperò che potrà essere comunque d'aiuto per coloro che si interrogheranno su quale kit comprare.
A presto quindi e buona discussione!

Roberto
  Rispondi quotando
Vecchio 22-12-14, 04:03 PM   #67
Utente Senior
 
Registrato dal: Dec 2014
Messaggi: 1,402
cervotto è un newbie...
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da MereAndry Visualizza il messaggio
Noi stiamo costruendo un galeone elisabettiano della Amati usando il materiale della scatola di montaggio.
Ci sono pregi e difetti, a nostro avviso, tuttavia dobbiamo specificare che cerchiamo nella riproduzione delle navi quella fedeltà che non si ricerca in un semplice "sprammobile" ma che appunto deve avere un modello.
Vabbene, non è una nave in particolare come la Constitution o il Goldel Hind, ma essendo chiamato Elisabettiano ci si aspetta che si rifaccia ai canoni costruttivi inglesi e abbia parti coerenti con l'epoca che richiama, altrimenti potevano chiamare il modello "galeone rinascimentale".
La prima cosa che ha stonato ai nostri occhi sono state le colonnine del parapetto del balcone dello specchio di poppa. Ci siamo documentati su internet e lo stile elisabettiano per i galeoni presenta il parapetto del balcone di poppa come il golden Hind, per cui dovremo autocostruircelo da soli. Le colonnine sono tipiche dei galeoni spagnoli e forse italiani.
L'ossatura va detto che è tagliata bene e le tavole sono belle dritte, purtroppo abbiamo scoperto che le ordinate non presentano i bagli incurvati, cosa che per un modellista è come parlare con errori di grammatica per in insegnante di italiano. Purtroppo erano già pretagliate al laser e non abbiamo potuto correggere l'errore all'origine. Adesso ci abbiamo incollato degli spessori, ma sono rimedi dell'ultima ora che infastidiscono. Per fortuna risolvibili, ma meno male che i nostri amici del forum ce lo hanno detto, sennò chi se ne accorgeva!
Abbiamo scoperto che le mezze-canne di cannone riproducono cannoni di qualche secolo dopo, errori che secondo noi sono trascurabili in un soprammobile, ma non in un modello di vera cultura navale.
Poi abbiamo scoperto una cosa che ci ha lasciati molto perplessi.
Noi pensavamo che avremmo messo il fasciame dal capodibanda alla chiglia, con un lavoro certosino dove il fasciame si sarebbe adagiato morbidamente lungo le linee del nostro modello.
Ma cos'è quel pannello di compensato da 1 mm !!!!!!!!!!!!!!!!
Ma come faremo a farlo adagiare lungo le flessuose curve del galeone?!
Bagnandolo e mettendolo in forma mentre si asciuga? Boh poi vedremo.

Le vele ci sono, ma sono di una stoffa spessa se paragonate alla scala del nostro modello ... mi sa che dovremo comprare della soffa sottile e morbida in merceria per ricreare i drappeggi che fanno le vele, e poi la trama della stoffa di quelle vele è grossa, ci sono stoffe con trame più sottili ... perché si offre la fedeltà con i materiali dello scafo ma non per le vele? La cima dell'ancora ci sembra piuttosto sottilina, nemmeno 1 mm per la scala 1:75, ma è corretta quella misura?

Poi ci ha lasciati perplessi la scelta delle tavole del tavolato del ponte con listelli di marrone scuro, speravamo di realizzare il nostro tavolato mettendo quelle orlature nere che danno quel flash di realismo impagabile, ma con dei listelli così scuri come faremo !!??

E adesso le conclusioni.
Il Kit della Amati lo abbiamo pagato €150
Desideravamo affrontare il nostro primo modello navale per apprendere tutte le tecniche fondamentali per costruire una nave che si distinguesse per la sua fedeltà, come per gli aerei di plastica di un F-14 Tomcat, dove ogni parte è fedele, non come un soprammobile in casa di chi non conosce le navi.
Poi vorremmo sapere se non è una pretesa esagerata se sulle scatole fosse scritto il tipo di materiali usati e le tecniche che si presupone si debbano usare: come quell'assurdo pannello che sostituisce il 1° fasciame e rischia di appiattire le flessuose curve dei fianchi del galeone, soprattutto a poppavia. Siamo certi che se lo avessimo saputo non lo avremmo di certo comprato .
Non ci piace dover pagare per accessori inutili e sbagliati, tipo le vele di plastica adesiva .
Vabbè, se c'è chi si accontenta di un Kit di questa qualità contento lui, ma a questo prezzo ci sembra esagerato. Quanto costano i Kit di marche più prestigiose, e i difetti che abbiamo trovato in questo Kit ci sono anche lì ?
insomma quali sono le marche che non usano le pannellature di compensato al posto del 1° fasciame?

Ciao da MereAndry
Premesso che il "Galeone elisabettiano" della Amati è in realtà il Galeone veneto Candia del 1530, fortunata te che hai trovato i pezzi pretagliati! Quando lo comprai io (mooolti anni fa ) la Amati produceva il modello "STAMPATO" su compensato di faggio durissimo!!
cervotto non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 24-12-14, 07:09 PM   #68
Utente Senior
 
Registrato dal: Dec 2014
Messaggi: 1,402
cervotto è un newbie...
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da zakimor Visualizza il messaggio
i piani di uno sciabecco francesse della ditta areopiccola datati anni '70....mio dio!!!!!
ho capito cos'è....sono i più orrendi che abbia mai visto..
tutti sballati....è più accurato il galeone playmobil.....
prendono delle cantonate madornali...
Fortunato che non hai mai visto i piani della fregata Gloire della Steingraeber!! Neppure una riga dritta!!
cervotto non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 09-03-19, 09:28 PM   #69
Utente Junior
 
Registrato dal: Dec 2008
residenza: A casa
Messaggi: 46
magiaro è un newbie...
predefinito

Quote:
Originariamente inviata da wewalt Visualizza il messaggio
Sono daccordo con te, io però facevo un discorso più generale: è ovvio per tutti i modellisti sani di mente che un modello di scatola non sia all'altezza di un modello tratto da una monografia Ancre o Conway e che quindi necessita di migliorie ed aggiunte, autocostruiti, in maniera da renderlo presentabile... A mio parere può essere una buona palestra per chi è agli inizi, salvo passare ad un qualcosa di più serio appena ci si sente pronti (il prima possibile, visti gli scarsi risultati delle scatole di montaggio)... Per noi "vecchi lupi di mare" il passo successivo è scriverla da noi quella benedetta monografia, forse in questo modo ci sarebbe qualche modello "diverso" in giro e non le solite cose viste e straviste: 74 cannoni, Requin, Ambitieux, La Belle ecc.ecc... Ma come dicevo, partire da zero è faticoso, e ricercare nei musei un modello valido e documentato da poter poi riprodurre è un'usanza ormai perduta.... Sono io il primo a comportarmi così, ripeto, ed anzichè mettermi al tecnigrafo a disegnare un modello tratto da Architectura Navalis Mercatoria, per pigrizia spendo un sacco di soldi in monografie Ancre, salvo poi lamentarmi degli errorini (per modo di dire) che contengono....
Come vedi la critica è tutta rivolta a me stesso, non agli altri modellisti, verso i quali vuol essere soltanto di stimolo....
A presto
Ciao ragazzi, ho seguito con attenzione questa discussione fra chi costruisce usando i kit in commercio e chi autocostruisce. Io sono un novello del modellismo, il mio primo acquisto e' stato il Thermopylae ( essendo il mio primo modello ho chiesto al negoziante qual cosa di semplice ... e lui mi ha consigliato il suddetto. A meta' del secondo fasciame ho interrotto ed ho acquistato il Posto di Combattimenro, questo per impratichirmi un po' sulla lavorazione del legno prima di iniziare un vero e proprio modello. Le difficolta' che ho trovato io, ho visto che sono comuni a molti. Quello che vorrei dire che iniziare con i vari kit, soprattutto per chi non ha nessuno con cui confrontarsi o chiedere consiglio, non e' poi cosi male alla fine. Una volta impratichito ed aver fatto sue tutte le capacita' necessarie si protra' pensare ad un modello autocostruito. Non saprei neanche dove iniziare ad autocostruite bozzelli o diavolerie simili...ed i diorami o le varie decorazioni??? Ma come si fa??? E poi non sempre e' facile trovare i materiali necessari o leggere i piani...per questo, secondo me, per i novellini e' meglio iniziare dai kit. Attendo critiche e consensi

Inviato con il mio SM-T580 - Scarica l‘app del Forum di Modellismo.net
magiaro non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Strumenti della discussione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are disattivato


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
scatole montaggio aerei giacomol Statico - Kits, Info e Varie 4 01-03-11 03:31 PM
Scatole montaggio -Kit...questo sconosciuto... Falier Kit commerciali e piani costruttivi 15 10-02-09 06:54 PM
Scatole montaggio - principiante (info) gafado Kit commerciali e piani costruttivi 7 11-12-07 10:54 AM
scatole di montaggio?!? hms Kit commerciali e piani costruttivi 3 25-10-07 07:53 PM
Scatole montaggio - info contenuto paolino82 Kit commerciali e piani costruttivi 3 14-12-04 08:34 PM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 05:34 AM.


Chi Siamo | Pubblicità | Scambio banner | Disclaimer | Regolamento | P.IVA 00319251203
Disponibile su App Store Disponibile su Google Play