Vai indietro   Forum Modellismo.net > Altre Categorie > Droni - Multirotori
Rispondi
 
Strumenti della discussione
Vecchio 12-06-15, 10:03 AM   #16
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito COSTRUIAMOCI INSIEME LO SKY RIDER DRONE : FASCICOLO 14, il telaio inferiore

Fascicolo importante questo, ci viene infatti fornito il telaio cui andranno fissati gran parte dei componenti del drone.
Il materiale plastico con cui questo pezzo è realizzato risulta molto caricato con fibre e lo si può notare dalle particolari striature, dal peso e dal suono che ne ottenete se lo picchiettate con le dita. A causa di questa durezza fate attenzione andandovi ad avvitare delle viti in quanto opporrà una maggiore resistenza rispetto ai pezzi che abbiamo fino ad ora montato.

Su questo particolare, seguendo le istruzioni del fascicolo, vado ad installare le due cinghiette ferma batteria con la parte “attiva” del velcro rivolta verso il lato telaio. Le cinghiette vanno fatte scorrere nelle apposite asole. Ponete attenzione alla posizione finale delle fibbie delle cinghiette che devono trovarsi sulla destra del telaio posto in posizione rovesciata (cioè con le asole delle cinghiette a vista) e visto dal di dietro (che è la parte con la protuberanza di forma squadrata)


Scopri lo Sky Rider Drone sul sito Model Space - DeAgostini


Ultima modifica di gnanni; 24-07-15 a 04:23 PM
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 12-06-15, 10:32 AM   #17
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito Costruiamoci insieme lo sky rider drone : Fascicolo 15, carrello sinistro

Con l’arrivo del telaio nel fascicolo scorso le cose incominciano a prender forma.
Il fascicolo infatti non ci fornisce soltanto la terza elica (la seconda a senso di rotazione anti-orario CCW), ma anche le istruzioni per assemblare il carrello, già realizzato al n. 4, al telaio.



Per prima cosa devo infilare i dadi autobloccanti (quelli con l’anellino in plastica in una delle parti terminali) nelle apposite sedi del telaio. I dadini vanno inseriti con la parte dell’anellino a vista.
Dopo alcuni tentativi d’inserimento a mano non riusciti per via delle sedi particolarmente precise ho proceduto in modo diverso: ho preso una delle viti a brugola M3x12, che fisseranno il carrello e l’ho infilata in sede andando a posizionarvi poi sopra il dadino ed avvitando la stessa fino all’indurimento dovuto alla presenza dell’anellino antisvitamento. Devo fare attenzione a non avvitare storto, rischiando di rovinare il filetto, ma non è difficoltoso.



Una volta “bloccato il dadino l’ho tirato in posizione dal basso aiutandomi a spingerlo nella sede premendo da sopra con una pinzetta.



I quattro dadini vanno posizionati sul lato sinistro del telaio visto da sopra (cioè dalla parte opposta di dove sono inserite le cinghiette in velcro e tenendo conto che il posteriore (posizione da cui si guarda come quando si è seduti in macchina) è il lato con la protuberanza squadrata. Se avete montato correttamente le cinghiette i dadini vanno posizionati nelle quattro sedi sul lato dove sono posizionate le fibbie.
Una volta in sede i dadini potete posizionare dal di sotto il carrello, la sfera di riferimento rossa va verso il muso del drone (che, mi ripeto, è la parte del telaio piatta). Il tubo in alluminio si troverà così rivolto verso l’interno del telaio ed il carrello, una volta girato il telaio stesso in posizione sarà quello sinistro, sempre guardando il drone da dietro come se vi foste seduti ai comandi.
Fisso ora il tutto in posizione avvitando a fondo (quindi devo sorpassare l’anellino antisvitamento) le quattro viti con testa a brugola incassata.




Scopri lo Sky Rider Drone sul sito Model Space - DeAgostini

Ultima modifica di gnanni; 24-07-15 a 04:23 PM
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 09-07-15, 11:38 AM   #18
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito

IL MISTERO DELLE PROTEZIONI
in molti si sono chiesti perchè DeAgostini abbia fornito due serie di protezione eliche rosse e all'apparenza simili, il mistero è presto svelato: come si vede nella foto quelle più nuove (a sinistra) sono state rinforzate.
Pertanto usate solo questo modello eliminando l'altro che evidentemente ha problemi.



Nel n. 16 ci viene fornito il primo regolatore elettronico di velocità per I motori brushless di cui è dotato lo Sky Rider Drone. Su un lato dell’ESC escono i tre fili, dotati di spinetta con copertura colorata, che vanno collegati al motore, mentre dall’altro troviamo i fili rosso e nero di alimentazione e la spinetta a tre poli che andrà cablata al controller di volo. Nel fascicolo suggeriscono di fissare il tutto con del nastro adesivo avvolto a cerchio o del biadesivo: io non ho fatto nulla di questo, aspetto di capire meglio come e dove installarli sul telaio.




Col n.17 troviamo alcuni pezzi delle carenature dei bracci porta motore, le viti di fissaggio di un motore e una rondellina e relativo seeger per fermare una cassa sullo statore. Riponete il tutto con cura nella vostra cassettina, e fate attenzione si piccoli particolari che risulteranno indispensabili nel successivo montaggio.

Con la carenatura rossa è possibile completare il braccio posteriore sinistro che avevamo assemblato in precedenza. Non sforzate nell’inserimento e partiamo dalla parte più lontana rispetto alle luci motore (quella con la linguetta) e poi incastriamo l’anteriore. Se fate molta fatica e avete paura di rompere il particolare potete disassemblare la copertura lenticolare della luce d’estremità e quindi avere un montaggio più semplice.
Alla fine ho applicato un’etichetta al braccio per non fare confusione nei successivi montaggi.



Nel n.18 viene fornita un’altra luce centrale blu dei bracci che lascio nella sua confezione avendo cura di scriverci su il fascicolo di riferimento
Non c’è nulla da montare e viene quindi fatto un riepilogo delle componenti ricevute e già assemblate…….




Con il supporto del paraelica ed il relativo paraelica del n.19 possiamo completare il braccio posteriore sx.
Da notare che questo paraelica nero è già del tipo con i rinforzi per cui non ci dovrebbero essere più “strani” doppioni.





Per procedere all’assemblaggio devo recuperare il motore montato in precedenza, per fortuna che l’ho etichettato e quindi lo riconosco.
Bisogna inizialmente smontare alcuni pezzi che erano stati assemblati poi si procede infilando i cavetti di alimentazione del motore nelle apposite asole e facendoli fuoriuscire alla fine del braccio similmente a quanto avviene con i cavetti sottili delle luci.
A questo punto si può fissare il motore al braccio usando le apposite viti sulle quali ho applicato del frena filetti medio curando, per quanto possibile, di posizionare il motore stesso centrato rispetto alle asole (tenete comunque presente che la posizione delle viti nelle asole risulterà diversa per coppia di asole secondo la diagonale).
Il montaggio si conclude andando a riposizionare le varie luci e coperture.











Qual’è la differenza fra i vari motori?
A livello elettrico/elettronico i vari statori sono uguali cambia solo, come si vede nella fotografia, l’ordine dei colori sulle spinette terminali.
Nel caso sbagliamo lo statore (cioè la parte con le bobine) il motore ruota in senso contrario. Nelle prime prove, da effettuare senza eliche, accelerando noteremo il senso di rotazione sbagliato e quindi ci basterà invertire due dei tre fili di alimentazione per far girare il motore nel senso giusto. Vi do Un’ulteriore indizio, gli statori “orari” hanno (se ben ho interpretato) un bollino bianco come si vede in foto.

C’è invece una notevole differenza a livello dell’asse filettato di bloccaggio dell’elica presente sulla cassa del rotore in quanto due motori hanno asse con filettatura destrorsa e due sinistrorsa (in pratica la vite si avvita girando in senso antiorario).
Nel caso sbagliaste la cassa rotante, e quindi il filetto, ce ne accorgiamo subito, com’è capitato a me, perché il relativo dado (che è anodizzato nero o argento) non si avvita. Tenete conto che se avete un’elica CCW, cioè a rotazione antioraria il filetto della vite sarà orario (dado nero) in modo che questo tenderà ad avvitarsi mentre il motore trascina l’elica





Il secondo carrello d’atterraggio contenuto nel n.20 ci permette di mettere “in piedi” il drone e incominciarne ad intuire le dimensioni magari provando ad appoggiare i bracci fino ad ora costruiti. Il montaggio del carrello destro è uguale quello del sinistro, l’unico passaggio “brigoso” è sistemare i dadi autobloccanti nelle sedi avendo cura che la parte con la rondellina antisvitamento sia rivolta verso l’alto







Scopri lo Sky Rider Drone sul sito Model Space - DeAgostini

Ultima modifica di gnanni; 24-07-15 a 04:24 PM
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 10-07-15, 02:41 PM   #19
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito

Un bel pasticcio quello del n.21 che ha provocato parecchi grattacapi a quel che leggo in giro. In realtà il grano che ci viene detto di montare è già presente e avvitato in sede a trattenere la spina che funge da asse motore. Il problema nasce dal fatto che su un elemento di fissaggio così importante non è stato applicato del frena filetti, quindi dobbiamo smontarlo, ripulirlo con un po’ di diluente, alcool o comunque uno sgrassante e rimetterlo in sede dopo aver applicato del frena filetti medio. Questa operazione va fatta PER TUTTI E QUATTRO i motori.





L’elica oraria CW avanza per l’appunto in senso orario (o, nel nostro caso essendo posta quasi in verticale, se ruota in senso orario solleva il modello da terra). Pertanto il gruppo motore ad essa applicato dovrà a sua volta girare in senso orario mentre la vite di fissaggio sarà con filettatura antioraria (cioè si avvita ruotando in senso contrario alle normali viti che sono destrorse) proprio per tendere ad avvitarsi mentre ruota. I dadi giusti da applicare a queste eliche CW sono quelli con finitura argento.

Scopri lo Sky Rider Drone sul sito Model Space - DeAgostini

Ultima modifica di gnanni; 24-07-15 a 04:24 PM
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 28-07-15, 12:12 PM   #20
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito Montaggio fascicoli 22-31

Con il numero 22 completo il braccio anteriore sinistro. Per prima cosa monto lo statore (il gruppo con le bobine in rame) sul rotore inserisco la piccola rondella in ottone e chiudo tutto col seeger (non facilissimo da installare, ma lavorando sul telo l’ho recuperato ogni volta) Quindi, procedo come fatto per il fascicolo n.19 smontando le componenti già assemblate (in questo caso c’è anche il paraelica rosso che è da sostituire con quello rinforzato) e quindi infilando i cavetti del motore. A questo punto solito frenafileti sulle 4 viti del motore, un po’ di accuratezza nel cercare di montarlo centrato e poi reinstallo le luci e le varie protezioni stando molto attento a non “pizzicare” i fili (specie quelli sottili dei led).







Le varie componenti ricevute nel numero 23 andranno usate in seguito per cui le metto da parte e pongo le varie viterie al sicuro nella solita cassettina (occhio all’anellino di rasamento motore). Però questa volta il lavoro non manca, perché c’è da assemblare il braccio motore sul telaio (finalmente!) Posiziono il dado autobloccante M5 in sede con l’anello antisvitamento a vista, quindi dopo aver passato cavi e cavetti nell’apposita apertura posso incastrare la parte inferiore del braccio in sede. A questo punto vado a fissare il tutto con le viti M2x12: nonostante non applichi molta forza 2 delle 4 viti girano a vuoto una volta serrate a fondo. La cosa non mi piace per nulla, ci devo riflettere su.












Secondo ESC ricevuto col numero 24, provo ad installare i 2 regolatori in posizione consona usando del biadesivo da modellismo (lo trovate in tutti i negozi di modellismo o se preferite via internet). Per fare questo bisogna prima pulire le superfici d’incollaggio e allo scopo si può usare qualsiasi detergente non lasci residuo e allo stesso tempo non intacchi le plastiche (o il rivestimento di termoretraibile), io uso dello spray per la pulizia dei freni reperibile nelle catene di negozi di bricolage (o sempre via internet). Una volta puliti i pezzi (ed ovviamente decisa la posizione, taglio un pezzo di biadesivo nella giusta dimensione e lo applico sul primo ESC, quindi rimuovo la seconda protezione dal biadesivo e fisso in posizione l’ESC. Ripeto i passaggi per il secondo regolatore.










25 ancora un errorino: questa volta nella foto ci fanno vedere un paraeliche di tipo vecchio (non rinforzato) ma poi ci danno quello giusto (rinforzato)

26 Tocca al braccio posteriore sinistro venir montato. Tutto uguale a quanto fatto con quello anteriore nel numero 23 e stesso problemino con le viti M2x12 che girano a vuoto (mi sembrano cortine e con poca presa sulla plastica) Ora entrambi i bracci fino ad ora assemblati sono montati sul telaio (che risulta un po’ squilibrato e con la tendenza a rigirarsi)







Nel collegare i cavi degli ESC ai motori, come indicatoci nel numero 27, rispettate i codici colore presenti sugli spinotti. Un errore porterà il motore a ruotare in senso opposto a quanto previsto (dovremo controllare bene nella fase di test senza eliche, come già evidenziato). Sulla busta di componenti ricevute col fascicolo vado a scrivere il numero di fascicolo ed il colore delle luci a scanso di futuri errori.



Con il numero 28 ci viene fornito il terzo rotore con il relativo dado nero per elica antioraria. Come per i precedenti rotori ci viene richiesto di rimuovere il grano che blocca il perno di rotazione e reinstallarlo dopo averlo pulito ed applicato del frena filetti. Andando a recuperare l’elica, fornita nel numero 15, per inserirvi il dado nero, mi sono accorto di un difetto sul bordo d’uscita. L’elica andrà sostituita (richiederò il reinvio al servizio clienti) in quanto un danno di questo genere (seppur minimo) comporta delle vibrazioni che potrebbero portare alla rottura dell’elica stessa o di altre componenti del modello.



Finalmente con il numero 29 completo il carrello di destra con la sfera d’orientamento e la barra laterale.
I passi sono gli stessi fatti per il carrello sinistro e non c’è nulla da segnalare. Sempre in questo fascicolo vengono forniti i componenti delle cerniere dei bracci di sinistra, una la vado ad installare su braccio motore ricevuto nel numero 26. Anche in questo caso uso una pinza a pappagallo per forzare il perno nella sua sede.





Grazie allo statore antiorario fornito con il fascicolo 30 completo il secondo motore antiorario seguendo gli stessi passaggi, e le stesse precauzioni dei due precedenti motori. Non installo l’elica in quanto tanto so che dovrò smontarla in seguito quando dovrò montare il motore sul suo braccio. Molto utile, e abbastanza chiarificatrice, è l’immagine d’insieme presente nell’ultima pagina del fascicolo dove si vede la disposizione di motori ed eliche.

L’ESC del n.31 lo vado a fissare sul corpo principale con del biadesivo esattamente come fatto per i due precedenti.


Scopri lo Sky Rider Drone sul sito Model Space - DeAgostini
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 19-10-15, 04:15 PM   #21
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito

Passiamo ora al n.32 (finalmente arrivato) dove ci viene fornita l'ultima delle 4 eliche, per precauzione mi sono scritto sulla busta il contenuto (la memoria non è più quella di una volta!)


Con il 33 riceviamo la parte anteriore e la parte posteriore del telaio, non le possiamo ancora montare, ma solo appoggiare nelle loro sedi


Nel 34 è fornita la parte superiore che rende solido il telaio e vi chiude all'interno le componenti elettroniche. Anche in questo caso facciamo solo una simulazione di monaggio


Finalmente con l'arrivo del 35simo fascicolo ritorniamo ad assemblare: dobbiamo infatti completare il braccio anteriore destro. Francamente con le freccie dei sensi di rotazione delle eliche mi sono un pò perso, ma per fortuna i piolini stampati sul telaio rendono univoco il posizionamento dei bracci, per cui procedo. Per assemblare l'asse della cerniera uso il metodo già mostrato in precedenza, e cioè lo impunto e lo spingo quindi dentro con una chiave a pappagallo (anche una morsetta va benissimo)


Assemblando il motore al braccio uso, sempre come fatto già in precedenza, del frenafiletti per evitare che le vibrazioni possano alla lunga allentare le viti


E' facile riconoscere il colore dei led sottomotore grazie al bollino presente su una faccia del circuito


Per completare il braccio è necessario far passare i vari cavetti di alimentazione e fissare poi le protezioni trasparenti e quelle rosse. Usate il cacciavite in dotazione con cui difficilmente farete una forza tale da rompere le plastiche stesse


Fascicolo 36: vi avevo detto in precedenza che il sistema di fissaggio della cerniera al telaio non mi piaceva in quanto le viti autofilettanti fornite impegnavano poco ed erano facili a rovinare la plastica girando a vuoto. Ho quindi deciso di montare delle viti da 2,5MA (facili da trovare su ebay) abbastanza lunghe da passare tutto lo spessore del fissaggio al telaio. Unica modifica trapanare con punta da 2,5 i SOLI fori presenti sul telaio


Non lesinate sull'acquisto di un buon biadesivo da MODELLISMO per fissare i vari componenti, io non vorrei trovarmi in volo con "roba" che balla e resta attaccata con le sole spinette, poi vedete voi...


Con qualche fascetta piccola (le acquistate in pacchi da 100 nei brico, comet o su ebay anche colorate) potete "dare un senso" ai vostri cablaggi e non ritrovarvi con una "spaghettiera" di fili


Con il fascicolo 37 ci viene fornita la centralina di controllo delle luci. Montatela con cura senza forzare per evitare di rompere i dentini d'aggancio o peggio il circuito stampato.
Poi seguendo le istruzioni collegate le spinette che provengono dai vari bracci. Abbiate cura di far passare i sottili cavetti in modo da non rovinarli o trovarvi in intralcio (io li ho fatti correre sotto gli ESC verso la parte esterna del telaio) e fissate il di più con delle fascette


Nel numero 38 ci viene fornita la spinetta multipla che servirà per collegare la ricevente all'unità di controllo che per ora riponiamo in parte


e la spinetta che porta l'alimentazione dalla batteria agli ESC (e quindi ai motori) e alle parti elettroniche


passo quindi a collegare i 3 ESC già in posizione e anche la spinetta del controllo luci


Il pezzo centrale rosso della carrozzeria ed un rotolino di nastro biadesivo sono il contenuto del fascicolo 39. Prima di procedere al fissaggio del nastro sul componente eliminate il foglio trasparente di protezione (non mi pare venga precisato sulle istruzioni...)


Ripulite quindi con alcool o con un detergente sgrassante tipo pulitore freni la zona d'incollaggio (mi raccomando non sognatevi di usare DILUENTI di qualsiasi tipo)


Una volta ripulita la sede depositate con cura il biadesivo mantenedo la faccia protetta intatta. Solo dopo aver completato l'operazione montando anche i due pezzetti all'estremità e dopo averlo ben premuto potete spellicolarlo e appoggiarci i pezzo grigio ricevuto in precedenza. Allineate bene i pezzi e poi premeteli con forza fra loro ed il montaggio è completato.
A questo punto potete appoggiare il guscio realizzato sul telaio e incominciamo a vedere le forme finali del nostro SkyDrone....

Ultima modifica di Sharky63; 19-10-15 a 04:23 PM
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 11-11-15, 04:54 PM   #22
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito

A parte le componenti del braccio fornite sul n.40 finalmente mi dicono di usare il biadesivo per fissare gli ESC, fortunatamente l’avevo già fatto prima come ho descritto nei post precedenti. Quello che non viene detto, e vi sottolineo, è di PULIRE bene le superfici d’incollaggio PRIMA di applicare il biadesivo. Vi consiglio alcool bianco o, ancora meglio, spray per pulizia dei freni




Nel fascicolo 41 trovo la parte anteriore della carenatura del drone, questo componente si assembla al resto della carrozzeria tramite il nastro biadesivo che ho ricevuto nel n. 39
Ancora una volta verifico prima l’accoppiamento delle parti senza nastro, poi elimino la pellicola protettiva dal musetto, quindi procedo alla pulizia delle zone in cui andrà posizionato il biadesivo tramite alcool (non uso prodotti tipo trielina, acetone, diluente che SICURAMETE rovinano il materiale con cui è realizzato questo particolare). Una volta pulito bene il tutto posiziono il nastro biadesivo svolgendolo dal rotolo e andando a farlo aderire sul bordo predisposto della fiancata grigia, NON asporto in questo momento la parte protettiva rossa del nastro!. Completo il “giro” applicando lungo tutto il bordo e quindi rifilo l’eccesso di nastro che sporge.
Premo poi con forza sulla parte protettiva per assicurare una buona adesione e quindi asporto la stessa. Ora con cura vado a posizionare il musetto, partendo da un’estremità e cercando di mantenerlo “aperto” in modo che non aderisca subito anche la parte anteriore. Allineo mano a mano che lo chiudo attorno alla sagoma del fianchetto tirandolo indietro in modo da avere la parte finale del bordo inferiore in linea con la corrispondente del componente grigio. Verificato, ancora una volta, che tutto è a posto premo con forza le due parti insieme.

I bordi del fianchetto su cui andremo a fissare il "naso" della scocca




Prima di procedere con il fissaggio va eliminata la pellicola protettiva e pulite accuratamente le zone dove avverrà l'incollaggio tramite il biadesivo


Biadesivo applicato nella zona superiore (notare il protettivo rosso ancora al suo posto)


ed inferiore


Musetto montato ben allineato



Il supporto della camera, fornito col fascicolo 42, ha un passaggio un po’ delicato di montaggio ed è quello in cui devo inserire i gommini che congiungono la piastra fissata al corpo del drone con quella sospesa cui va agganciata la telecamera. Questi gommini servono a ridurre le vibrazioni trasmesse dal modello alla camera, vibrazioni che porterebbero ad una qualità pessima delle immagini registrate. Con un po’ di attenzione e manualità è abbastanza facile far entrare il bordo dei 4 antivibranti sulla prima piastra (è indifferente montarli prima sull’una o sull’altra) ed aiutandomi con un piccolo cacciavite (lavorando solo sul fianco per non lacerare la gomma sottile e morbida di cui sono fatte queste parti) estrarre il labbro dal foro. Le cose si complicano quando devo ripetere l’operazione sulla seconda piastra (a proposito vi consiglio di controllare BENE prima di andare avanti il posizionamento delle parti che deve essere come quello mostrato nel fascicolo altrimenti vi tocca smontare tutto e ripartire) in quanto ora non ho molto spazio per lavorare sul bordo ed i 4 antivibranti tengono distanziate fra loro le piastre stesse. Aiutandomi sempre col bordo del cacciavite e con un po’ di alcool per far meglio scivolare la gomma sulla plastica piano piano spingo in posizione gli altri quattro labbri (non è facile e vi consiglio di farlo con calma perché se ne bucate o slabbrate uno dovrete assolutamente cambiarlo). Il “trucco” è spingere dentro per prima la parte interna del labbro (quella più difficile da manovrare) e poi, tenendo compresse leggermente fra loro le piastre, spingere dentro il resto del bordo agendo dall’esterno con un cacciavite (NON DI PUNTA!).
Fatta questa operazione il resto del montaggio è assolutamente semplice ed il gruppo realizzato va a posizionarsi sulle due barre orizzontali che fanno parte della struttura del carrello. Le istruzioni mi indicano di arrestarle molto vicine ai tappi di chiusura e così faccio. Non applico una gran forza ai piccoli grani sia per evitare di danneggiare la sede che per non provocare un’incisione troppo profonda sui tubini che mi impedirebbe un successivo riposizionamento se ve ne fosse bisogno.

Le componenti del supporto della telecamera


Nel montaggio dei gommini antivibrazione assicuratevi che non restino piegehette nei labbri o zone non inserite


Per inserire gli antivibranti nella seconda piastra potete aiutarvi con un piccolo cacciavite ma non usatelo MAI di punta!



Nel montaggio del complessivo ponete attenzione alla posizione reciproca delle due piastre: controllate più volte o vi toccherà smontare tutto....


Inserite il supporto così realizzato sui bracci orizzontali in alluminio ed allineate l'estremità con i tappi di chiusura dei tubi stessi. Non stringete troppo i grani


Nel montaggio dei led sul braccio ponete molta attenzione al passaggio dei fili per evitare situazioni come quelle della foto


L'ultimo braccio con le luci posizionate
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 11-01-16, 11:46 AM   #23
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito

Fermo con le quattro frecce in attesa dell'elettronica...









Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 18-01-16, 07:11 PM   #24
Utente
 
L'avatar di TheSkyRider
 
Registrato dal: May 2015
residenza: Milano
Messaggi: 909
TheSkyRider è un newbie...
predefinito

Non ti sono ancora arrivati gli ultimi pezzi?
TheSkyRider non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 15-02-16, 10:28 AM   #25
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito

Finalmente arrivati gli ultimi componenti e trovato il tempo di assemblare il tuto.
Anzi sarebbe meglio dire disassemblare, visto che per seguire le istruzioni postume dell'editore ho dovuto sposare gli ESC e sistemare la cavetteria.
Sono contento che il materiale mi sia arrivato tardi così non sono impazzito con la sequenza motori limitandomi a dare i numero giusto alle varie spinette per poi collegarle alla centralina.
l'ultimo grosso scoglio è stato l'uso di una radio diversa da quella prevista in offerta con l'opera (ma con tutte quelle che ho in casa andarne a comprare un'altra....).
Prima di tutto ho dovuto capire (visto che non viene spiegato) a quale funzione corrispondono le singole spinette che escono dalla centralina, cioè quale è il cavetto degli alettoni, quello del rudder, motore etc, mentre è stato ovviamente facile individuare i canali 5 e 6 che comandano i mode di volo. Qui nasce il secondo problema: sulla mia radio ho un solo canale a 3 posizioni mentre per i mode ce ne vogliono 2. Soluzione? Ho usato, ovviamente l'interruttore disponibile, poi di programmazione ho trasformato 2 interruttori posti in posizione idonea in un unico interruttore a 3 posizioni, cioè:
interruttori tutti indietro-posizione 0
interruttore 1 avanti - posizione 1
interruttore 1 avanti interruttore 3 avanti-posizione 2







Controllato (sul display della radio) che tutto funzionasse a dovere e collegata la telecamera al canale 8 col solito giochetto dei 2 interruttori per gestire le 3 posizioni) ho collegato il drone al PC doo aver caricato il relativo programma. Il PC si è caricato da solo i driver e speravo partisse subito, invece non mi trovava la porta di comunicazione.
In questo caso, dopo aver verificato dal PC che i driver fossero ok, ho trovato la soluzione sul forum facendo partire il programma in modalità ADMIN.
A questo punto funzionava tutto a dovere e la scelta della porta è avvenuta automaticamente.
Ho controllato la direzione di movimento dei comandi (dovendo invertire quello dell'elevatore) e degli interruttori (tutti da invertire) ed alla fine tutto è risultato a posto.
A questo punto, dopo aver smontato i motori e posizionati i nuovi supporti dei paraeliche e montati questi ultimi ho alimentato la trasmittente e poi il drone andando poi ad accendere i motori per controllarne il verso di rotazione (che deve coincidere con le frecce presenti sui bracci): tutto a posto (avevo comunque già controllato la presenza dei bollini sui motori con rotazione oraria come da check list fornita da DEA).
A questo punto tocca alla calibrazione della bussola, sempre seguendo le istruzioni, solo che a me, che lavoro in mode 1, la posizione per far partire la calibrazione stessa è risultata un tantino differente
Dopo qualche prova (e parolaccia) ho trovato la combinazione giusta ed il cicalino col suo ronzio mi ha segnalato la correttezza delle operazioni in corso.
Quindi calibrazione dei sensori (sempre con una posizione diversa di attivazione ed uscita dalla procedura)
A questo punto era sera inoltrata ma non ho saputo resistere ed ho portato il drone (dopo aver montato le eliche) in un piccolo spiazzo per provare almeno un decollo.
Avendo letto di tutto e di più ero un pò impensierito, ho ricontrollato trenta volte la posizione degli interruttori (tutti indietro per un volo manual mode) e poi ho acceso radiocomando e quindi alimentato il drone.
Ho aspettato parecchio per vedere se si accendeva la benedetta luce verde del GPS, ma nulla!
Dato però che al momento volevo solo sollevarlo da terra ho comunque provato un decollo: risultato una strsciata in avanti....
Ma pooorca miseria, vuoi vedere che ho sbagliato anch'io la sequenza motori?
Non demordo e riprovo, questa volta rotolo sul fianco destro
Demoralizzato mi do un'ultimo tentativo, ci vado più deciso sul gas e lo ky Rider con un lieve dondolio stacca restando abbastanza fermo a 1 m da terra!
SODDISFATTO COME UN BIMBO CHE RICEVE LA PLAY A NATALE!!!
Provo qualche movimento ma dopo poco il cicalino incomincia un beep e visto che non ho attivato alcuna modalità di volo dovrebbe essere la batterie scarica, quindi atterro e torno alla base.
per stasera basta così!

Ultima modifica di Sharky63; 15-02-16 a 05:16 PM
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 15-02-16, 10:34 AM   #26
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito Carrozzeria

Giuro che non ho voluto molto bene a chi si è inventato questo modo perverso d'inserire la carrozzeria sul drone: pensare di dover staccare il musetto davanti ogni volta che va smontata mi ha fatto venire un eccesso di bile .
Già farlo per montarlo la prima volta è stata un agonia perchè il biadesivo fornito (molto buono) è venuto via a gran fatica dal lato in cui il musetto era incollato e non intendevo di certo ripetere l'esperienza sui due lati la prossima volta.
Per questo sto provando ad adottare un metodo "classico" nel mondo degli scafi RC e cioè fisso il musetto con del nastro adesivo trasparente di ottima qualità (tiene nell'acqua per capirci) che però è abbatanza semplice da rimuovere quando ve ne sia bisogno.
Magari perdo un pò in estetica, ma ne guadagnano le coronarie








Ultima modifica di Sharky63; 15-02-16 a 05:18 PM
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 15-02-16, 10:36 AM   #27
Utente Vip - Io sostengo Modellismo.net
 
Registrato dal: May 2015
Messaggi: 58
Sharky63 è un newbie...
predefinito Gps

Il mio GPS non aggancia, ho provato e riprovato, cambiando di posto sempre in spazi aperti ma il segnale sul device resta sempre rosso e non si accende il led posteriore verde.
E' capitato a qualcun altro?
Ne devo chiedere la sostituzione?
Sharky63 non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 15-02-16, 08:12 PM   #28
Utente
 
L'avatar di TheSkyRider
 
Registrato dal: May 2015
residenza: Milano
Messaggi: 909
TheSkyRider è un newbie...
predefinito

Io avevo il tuo stesso problema con il GPS. Non ha mai funzionato tranne quando l'ho provato in un ampio campo qui in pianura.
TheSkyRider non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 16-02-16, 08:51 AM   #29
Utente Junior
 
Registrato dal: Jan 2016
Messaggi: 3
Il Bagigia è un newbie...
predefinito

Ciao,
E' capitato anche a me poi come SkYRider sono andato in mezzo ad un campo e ho aspettato un pò.
Forse aveva solo bisogno di capire che non era più in Cina

Ultima modifica di Il Bagigia; 16-02-16 a 08:54 AM
Il Bagigia non è in linea   Rispondi quotando
Vecchio 16-02-16, 03:01 PM   #30
Utente
 
Registrato dal: Jan 2016
Messaggi: 396
pafra67 è un newbie...
predefinito

Ho montato le eliche ....armato...alzato un pochino il gas e.....due motori ballavano la rumba .....fermo tutto ...smontò i led circolari e le viti del motore erano tutte allentate....e non posso mettere il frenafiletti finché non mi arrivano i paraeliche perché a quanto ho letto bisogna sostituire i supporti che saranno allegati all ultimo inviò .....che palle !!!

Inviato dal mio G7-L01 utilizzando Tapatalk
pafra67 non è in linea   Rispondi quotando
Rispondi

Tag
deagostini, drone, skyrider, wip

Strumenti della discussione

Regole d'invio
Non puoi inserire discussioni
Non puoi inserire repliche
Non puoi inserire allegati
Non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è attivo
Le smilie sono attive
Il codice IMG è attivo
il codice HTML è disattivato
Trackbacks are attivo
Pingbacks are attivo
Refbacks are disattivato


Discussioni simili
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
DeAgostini Drone – Assembla il tuo Sky Rider Drone‎ DeAgostini Droni - Multirotori 5757 22-10-18 10:40 AM
Costruisci il Veliero Dodici Apostoli – DeAgostini gnanni News dal mondo del modellismo 0 08-01-13 04:41 PM
[PROMO] Costruisci e pilota la tua Lamborghini Reventon DeAgostini DeAgostini Comunicazioni e presentazioni 0 23-08-10 11:15 AM
[PROMO] Costruisci il camion dei Vigili del Fuoco di New York (DeAgostini) gnanni Statico - Kits, Info e Varie 0 28-04-08 08:58 AM
[PROMO] Costruisci il camion dei Vigili del Fuoco di New York (DeAgostini) gnanni Comunicazioni e presentazioni 0 28-04-08 08:54 AM


Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 04:31 AM.


Chi Siamo | Pubblicità | Scambio banner | Disclaimer | Regolamento | P.IVA 00319251203
Disponibile su App Store Disponibile su Google Play