Visualizza un messaggio singolo
Vecchio 19-04-10, 05:38 PM   #32
maurillo67
Guest
 
Messaggi: n/a
predefinito

applicazione carbonio
materiale: Pennello piccolo punta dura
pennello medio morbido
cotonfioc
ammorbidente per decal
spugnetta
pinzette punta fine
spillo ( io uso quello da agopuntura)
phon con regolatore di calore
tutto va in base alla superfice su dove applicare il carbonio, se grande, se curva, se piccola, se molto piccola. Se la superfice e’ grande e non presenta angoli particolari si crea anticipatamente una dima con della carta fine trasparente, si appoggia sopra il pezzo e si traccia a grandi linee il contorno su dove poi ritagliare il carbonio, dopodiche’ si prende la carta con il profilo disegnato e si poggia sopra il carbonio, con un lapis si passa sopra la tracciatura in modo che poi rimanga un segno visibile sul carbonio da tagliare. Una volta ritagliato il carbonio si mette sopra la spugnetta “di misura un po’ ampia” imbevuta di acqua ( e non dentro una bacinella piena d’acqua…)si apsetta il tempo necessario per lo staccamento della decal. Una volta pronto prima di applicare il carbonio sul pezzo si provvede con il pennelo medio morbido a inumidire la parte da decalizzare con dell’ammorbidente, questo permettera’ al carbonio di scivolare meglio in caso di aggiustamento e di dare gia’ un primo accenno di ammorbidimento dello stesso. Una volta applicato si imbeve il pennello medio di ammorbidente e lo si passa sopra il carbonio, in contemporanea si scalda con il phon in modo che piano piano la decal prenda forma e che si modelli bene su possibili curvature del pezzo, questa fase va ripetuta varie volte, pennello-phon, fino a completo stendiemento. Qui pero’ entra in gioco l’esperienza la manualita e nonche’ la delicatezza, durante questa fase, se si imbeve troppo il pennello si rischia di sciogliere tutto…. Se si passa il phon troppo da vicino potrebbbe far volar via il carbonio…e in caso di modelli in resina se il phon e’ troppo caldo di deformare addirittura il pezzo… un volta eseguito questo procedimento il carbonio puo’ presentare alcune bollicine d’aria o grinze, qui io adotto 2 tecniche, prima con lo spillo da agopuntura foro tutte le bollicine poi facendo molta attenzione con il dito passo sopra il carbonio agevolando lo stendimento sia delle bollicine che delle eventuali grinze... attenzione!!!! Se si preme forte si porta via tutto, il suo stendimento con il dito avviene perche’ il carbonio sia dopo l’effetto dell’ammorbidente che del calore del phon risulta molto morbido e quindi ancora modellabile. Se invece i pezzi sono piccoli e presentassero curvature particolari la tecnica cambia. In questo caso non usero’ la spugnetta imbevuta di acqua per lo staccamento del carbonio, ma l’ammorbidente stesso. In pratica ritaglio di piccoli pezzi di carbonio, prendo l’ammorbidente e ne verso con il pennello alcune goggie sopra la decal “qui i tempi di staccamento della decal si accorciano notevolmente e se si aspetta troppo la decal si sciogle” si testa con il dito se si sta staccando e appena pronta si posiziona velocemente sul pezzo, in questo caso l’ammorbidente usato per staccare il carbonio ha gia’ cominciato il suo lavoro di fusione aquistando flessibilita’ e morbidezza posizionandosi molto piu’ agevolmente sulle curvature. A questo punto per completare l’applicazione si imbeve leggeremente con l’ammorbidente un cotonfioc e si procede allo stendimento preciso e di finitura del carbonio. In questo caso mi aiuto molto con il phon a temperatura molto calda per far in modo che il carbonio ammorbidito si scaldi parecchio ed entri bene nelle fessure che puo’ presentare il modello…”attenzione!!!! Tenere in movimento il phon durante questa fase”… in base alla mia esperienza personale ho visto che uno stendimento perfetto del carbonio richiede molta pazienza e delicatezza, per pezzi grossi tipo carrozzerie ci possono volere anche alcune ore, il tipo di lavoro e’ molto stressante specie nei punti in cui ci sono tantissimi angoli e curve, un gioco continuo di cotonfioc, pennello piccolo - medio e phon… velocita’ e precisone si aquistano con il tempo ma poi il lavoro finale da molta soddisfazione. Una volta applicato il carbonio si attende 24 ore prima di dare il trasparente bicomponente, questo permettera’ di far evaporare tutto il dluente contenuto nell’ammorbidente e di far aderire perfettamente il carbonio, passate le 24 ore 2 mani di trasparente 2k e il gioco e’ fatto. Uno spettacolo....

Ultima modifica di maurillo67; 23-04-10 a 01:15 PM
  Rispondi quotando